NEVICATA A VENEZIA


Dita multicolori e infuocate,

gialle, azzurre e bianche,

si adagiano lente sulla distesa

scura del Bacino di San Marco.

Una damina a bocca aperta,

dagli occhi sgranati,

un due di picche dal seno

reclinato sulla spalla

di uno stanco Pulcinella.

"Uhh – Pim pum pam – Ahh".

Improvviso un attimo

di imprevista sospensione!

Il cielo, coperto, trattiene il respiro.

Impalpabile, diafano,

un pulviscolo bianco sfugge

alla morsa delle dita infuocate

e inizia a cadere lento.

"Nevica!" – la sorpresa di mille voci all'unisono

si diffonde per Piazza San Marco.

Quale altra degna conclusione

meritiamo per Carnevale!

Roberto Ferro