Contributo a Cura di Roberto Ferro

La musica, si sa, sorprende ed affascina! Ho intervistato Francesca De Mori e mi resi immediatamente conto del suo talento artistico e del coraggio nell'affrontare la vita. La sua esibizione di lunedì 13 marzo, presso lo Spazio Ligera di Milano, ha rivelato ancor più la sua verve carica di energia.

Il progetto "Altre strade", un titolo per così dire autobiografico, esprime bene questo percorso. Nella versione originaria il disco ha visto la partecipazione, come ospiti, del Quartetto Archimia composto da Andrea Anzalone al violoncello, Paolo Costanzo e Valentino Tedesi al violino, Matteo Del Soldà alla viola e Raffaele Kohler alla tromba e filicorno. In questa serata hanno partecipato, invece, i protagonisti del progetto, Daniele Petrosillo al contrabbasso, Salvatore Pezzotti alle tastiere, Rino Dipace alla batteria. Gli "Ottavo Richter" hanno ulteriormente ravvivato la serata già di per sé frizzante.

http://open.spotify.com/album/72x2t3EQMMerYeAfWD9Spj

"Altre Strade" lancia un messaggio ben preciso. La musica rappresenta un ponte lanciato tra vite anche difformi, unisce la realtà alla fantasia ed alla creatività, offre l'opportunità di declinare in forma nuova anche le esperienze del passato. Il progetto viaggia per tramite dei testi belli e poetici composti da Daniele Petrosillo e le rivisitazioni in chiave jazzistica di una cover ad opera di Salvatore Pezzotti.

Francesca De Mori, rivela una vocalità raffinata e trascinante, traboccante di energia e di voglia di vivere, adattabile alle differenti contingenze e nel contempo "forte" e trascinante.

Complessivamente il progetto si esprime tramite la musica leggera nel senso più "elevato" del termine con sfumature romantiche e sentimentali sempre filtrate tramite la modernità del jazz.

Per quanto riguarda il repertorio, tutti i pezzi sono belli ed avranno successo, si spera, in futuro, in particolare "Altre Strade" (il brano di apertura e che dà il titolo al progetto), ; "Liberamente" con il tentativo di scoprire il bello in un mondo a volte difficile; il classico rivisitato "E Ti Vengo a Cercare".