Contributo a Cura di Roberto Ferro

Una giovane donna da pochi attimi è diventata mamma. L'immagine "ferma l'attimo": l'immane sforzo del parto ha lasciato il posto alla quiete. Madre e neonato formano una sorta di "utero affettivo", pelle su pelle, vicini e nel contempo distinti.

L'opera più recente di Anna Torres, affermata e talentuosa artista palermitana, acquista una evidente valenza simbolica oltre che artistica. Il disegno non si alimenta in alcun modo alla tradizione ma nella sua semplicità racchiude il mistero del segreto della nuova vita.

L'acquarello, carta cotone di limitate dimensioni, è denominata "Abbraccio silenzioso": l'utero psicologico rappresenta un benessere conquistato, una evento determinante di vita familiare.

 

 

Contributo a Cura di Roberto Ferro

Anna Torres, talentuosa artista palermitana, propone spesso titoli provocatori per le proprie opere. "Metropoli sul mate", olio su tela dalle dimensioni ridotte 80X60 cm , è uno di queste.

Essa rappresenta una grande città, forse New York, affacciata sulle acque calme di un'ampia baia. Il cielo è terso, la visibilità perfetta. L'acqua del mare, appena increspata, riflette le luci della città.

L'assenza di dinamismo è ingannevole. Cielo e mare appaiono collegati dal frontline di grattacieli. E' evidente come Anna Torres sia interessata, più che nelle

 

Contributo a Cura di Roberto Ferro

L'opera più recente di Anna Torres, affermata pittrice palermitana, richiama l'attenzione sull'apparente serenità della Natura tropicale!

Da un lato il grande felino dalla livrea insolita, quasi albina, scruta con pupille azzurre dilatate immobili e un po' stupito, dall'altro il verde cupo della foresta ed il marrone del tronco segnalano un ambiente imprevedibile.

Il tratto calligrafico non è privo di una sorta di indefinitezza. Nella precisione l'opera si colora di tensione e aggressività. Chi starà mai osservando il grande felino, un simile sbucato improvviso dal fogliame una preda atterrita, oppure un inopportuno visitatore impossibile da aggredire o addirittura da temere?

Il nostro sguardo non può che richiamare l'attenzione sull'intreccio tra colori e linee, aggressività e stupore, tra sveglia improvvisa e attenzione!