Contributo a cura di Roberto Ferro

Ammiro l'opera di Anna Torres con la mente ed il cuore rivolti al mare ed alla terra di Sicilia, sua terra d'adozione.

La composizione è essenziale e schematica. Una barca ormeggiata a riva, la riva intuita, il mare azzurro privo di onde, papaveri in primo piano sbocciati e rossi sui lunghi esili steli.

L'opera vive e si fa ricordare per il contrasto di colori, tipico della pittura Anna Torres L'essenza è presto detta: l'azzurro diffuso si contrappone al marrone deciso dell'imbarcazione mentre lo sguardo cade inevitabilmente sul rosso dei papaveri offerti allo spettatore da lunghi sottili steli verdi.

L'opera non è tuttavia una semplice rappresentazione naturalistica. Le precedenti creazioni di Anna Torres si caratterizzano tutte per una complessità di significati inscritta da un tratto pittorico semplice e diretto. Una barca al sole non fa eccezione!

Ogni azione è immanente. Potrebbe trattarsi di un refolo di vento che solleverà onde schiumose, oppure di una galleggiare dell'imbarcazione, la sensualità dei papaveri rossi ci segnala la presenza di due amanti celati alla vista dall'erba tenera.

Il viaggio (nella natura e dell'anima) si afferma come la cifra fondamentale dell'opera di Anna Torres. Lo spettatore è incoraggiato e forse provocato a solcare con il pensiero e l'emozione il mare delle personali emozioni ed esperienze.

La rappresentazione apparentemente serena si può quindi colorare di sottile provocatoria inquietudine. La vita non è, forse, un viaggio infinito tra ricordi ed esperienze attuali persino nei periodi apparentemente più tersi?